Maggio 2019 Ciclo di conferenze

CICLO DI CONFERENZE
“Arte e Coscenza”

6 / 13 / 20 / 27 Maggio
Dalle ore 20:30
Sede dell’associazione – Via Lanari 44

Ingresso libero – OPEN DAY
Richiesta prenotazione
Offerta libera e consapevole

 

Il filo conduttore di questa serie di conferenze si trova nell’idea espressa da Rudolf Steiner, il fondatore dell’Antroposofia, riguardo alla storia dell’arte come riflesso dell’evoluzione della coscienza umana.

In questo senso l’avvicendarsi attraverso i secoli dei diversi stili artistici può essere paragonato alla metamorfosi che organizza la crescita degli organismi viventi, come, ad esempio, quella di una pianta, che passa dallo stadio di seme a quelli di foglia, di fiore, ecc.

Trattando della coscienza umana, è inevitabile estendere l’analisi dei fenomeni osservati alla componente psicologica.

In questo senso l’idea che l’evoluzione psichica di un individuo in qualche modo ripeta e riassuma quella dell’intera umanità conduce a mettere in relazione le manifestazioni storico-culturali con l’esperienza quotidiana di ognuno di noi.

La prima conferenza, “La storia dell’arte come specchio dell’evoluzione della coscienza“, traccia un quadro generale, per forza di cose sintetico, dell’evoluzione in questione, dall’arte dell’antico Egitto fino alle avanguardie del secolo scorso.

La seconda conferenza, “La rappresentazione della coppia nella storia dell’arte“, restringe il campo di osservazione, lungo lo stesso arco temporale della prima, ad un particolare soggetto, quello delle relazioni di coppia, che è anche un aspetto rivelatore della psiche umana.

Le ultime due conferenze sono dedicate a due passaggi cruciali nella storia della nostra civiltà, il Rinascimento e la fine dell’Ancien Regime tra Settecento e Ottocento.

Nella terza conferenza, “Io e volontà nell’arte del Rinascimento“, osserveremo il passaggio da una coscienza collettiva, prevalente fino al Medioevo, al sorgere e all’affermarsi di una coscienza individuale in senso moderno.

Nella quarta conferenza, “Ragione e inconscio nell’arte tra Illuminismo e Romanticismo“, vedremo all’opera alcune dinamiche delle funzioni psicologiche (quali impulsi, emozioni, immaginazione, pensiero, intuizione) nel particolare contesto storico-culturale che ha il suo punto focale nella Rivoluzione francese.

Nota biografica

Ernesto Corazza è nato a Padova, dove tuttora abita. Si è laureato in architettura allo IUAV di Venezia, con un percorso di studi storico-artistico. Si dedica per passione alla pittura e alla storia dell’arte; di entrambe queste attività cerca il rapporto con la natura spirituale della vita. Negli ultimi anni ha tenuto conferenze sulla storia dell’arte, in particolare presso il Centro di Venezia dell’Istituto di Psicosintesi.

Segreteria : ass.myoshin@gmail.com
Telefono/SMS/WhtsApp: 370 11 65 368
 

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi